Facebook Ads, arrivano le Instant Experience

Hai presente le Canvas?

Formato introdotto un paio d’anni fa su Facebook, le Canvas rendono possibile creare una vera e propria landing page all’interno di Facebook ricca di effetti ed elementi visuali, che permette di raccontare brand, prodotti e servizi in modo decisamente rapido e immersivo; da ora in poi non si chiameranno più Canvas, ma cambieranno nome in “Instant Experience”.

Perché quello che promettono di diventare è una vera e propria esperienza immediata.

Le Instant Experience, una soluzione per ogni tipo di business

Non solo il formato cambia nome (da notare che ha raggiunto un tempo di caricamento 15 volte inferiore rispetto a un link esterno!), ma vengono inclusi nuovi template per permettere a qualsiasi tipologia di brand di creare un’Instant Experience, come l’Instant Customer Acquisition che aiuta ad accompagnare l’utente all’azione, mostrando le offerte e un invito all’azione ben visibile o l’Instant Form, che permette di acquisire direttamente i contatti senza dover uscire dall’esperienza istantanea.

Arriva l’integrazione con il Facebook Pixel e i sistemi di tracciamento di terze parti

Parlando di Canvas, una delle feature più richieste dagli inserzionisti era la possibilità di inserire il Facebook Pixel – o altri sistemi di tracciamento, come Google Analytics – all’interno della stessa, in modo da misurarne le conversioni e fare retargeting, liberi dai vincoli imposti dai Pubblici Personalizzati per le Canvas.

La buona notizia è che, da ora in poi, il pixel verrà automaticamente inserito nelle Instant Experience per ogni inserzionista che lo usa nel proprio sito e sarà anche possibile inserire codici di tracciamento di terze parti all’interno dello stesso per fare tutti i test del caso.

Perché usare le Instant Experience

Attraverso le Instant Experience Facebook rende possibile offrire un’esperienza coinvolgente, rapida e ottimizzata per i nostri obiettivi di business a tutte le tipologie di aziende, piccole e grandi in modo semplice e veloce, 15 volte più rapido di quanto richiede il caricamento del sito web.

Le Instant Experience possono fare da ponte per un’approfondimento nel nostro sito, da assist per l’acquisizione di contatti o da “tela” per raccontare un nuovo prodotto o servizio, insomma, si prestano a diverse finalità; quante riusciranno a renderle una vera risorsa per farsi conoscere, generare interesse e convertire?

5.00 avg. rating (98% score) - 3 votes
Share:

Tu cosa ne pensi?

Commenti

Veronica GentiliFacebook Ads, arrivano le Instant Experience