Social & aziende: quando i social media sono inutili?

Quando i social media sono inutili via @veronicagenti

Facebook, Twitter, GooglePlus e compagnia possono essere un’ottima risorsa per le aziende;

i social media aiutano ad incontrare le persone, a capirne gusti ed opinioni, ad intercettare tra di loro clienti e potenziali tali e a farsi conoscere… ma non sempre sono utili.

In alcuni casi, i tanto osannati social network possono rivelarsi un’autentica perdita tempo, di denaro… addirittura in rischio.

Sì perché ci sono alcune condizioni fondamentali da rispettare, senza le quali ti ritroverai a maledire il giorno in cui hai deciso di investire ore di lavoro nel costruirti una presenza in questi ambienti!

 

Essere presenti nei social è inutile quando…

 

1. Non racconti la verità

Spesso le aziende hanno la malsana idea di raccontarsi molto, molto migliori di quanto siano in realtà, di incensare i propri prodotti con meravigliosi aggettivi e fare promesse che non possono mantenere.

Ricordati che i social risiedono sulla conversazione, per cui, nella migliore delle ipotesi, le persone che già hanno avuto a che fare con te leggeranno le bugie che racconti e le ignoreranno, nel peggiore ti ritroverai a fronteggiare vere e proprie “crisi”:

mentre prima il massimo che il cliente insoddisfatto potesse fare era venire da te ed insultarti o lamentarsi con amici o familiari, oggi sa che bastano  pochi secondi per trovare il tuo account aziendale sui social e “sputtanarti” davanti a ennemila persone, proprio mentre stai continuando a decantare le mirabolanti qualità dei tuoi prodotti.

I social media non aiutano a vendere un prodotto o un servizio di per sé scadente, per cui, farai meglio a raccontarti per come sei e ad agire attivamente sulla qualità di ciò che proponi!

 

2.Non hai una strategia

Seneca diceva che “non c’è vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare” ed aveva ragione.

Senza aver pianificato cosa, come e dove agire (e sapere come applicare il progetto), il risultato sarà una serie di azioni scoordinate  e buttate qua e là (un tweet oggi, 5 domani, 3 post su Facebook quando posso…) che al massimo ti faranno raccogliere un po’ di interazione…ma finalizzata a cosa?

Beh, probabilmente non lo sai nemmeno tu.

Purtroppo non ti puoi improvvisare in questo campo, per cui, oltre a rischiare di rompere le scatole alle persone con azioni social-aggressive (nei quali i male-organizzati spesso incappano), rischi seriamente di buttare il tuo tempo.

Un consiglio: trova un social media marketer che, quantomeno, crei un social media plan per la tua attività e ti aiuti a seguirlo!

 

Uno splendido contributo da La cosa social  :)

Uno splendido contributo da La cosa social 🙂

3. I social sono la tua unica strategia

I social network possono essere dei canali molto importanti per far conoscere la tua azienda, con tutte le sue offerte e prodotti, ma da soli non bastano.

Nell’ipotesi migliore sarebbe auspicabile un piano di comunicazione integrata dove tutte le attività di comunicazione e promozione dell’azienda siano concertate e progettate per raggiungere coerentemente gli obbiettivi, ma spesso manca la consapevolezza, la visione di insieme e, soprattutto, le risorse economiche.

E’ facile cadere nell’illusione che il promuoversi sui social, apparentemente gratuito, sia la strada più facile da seguire;

beh, sappi che non puoi delegare l’intera attività promo-pubblicitaria della tua azienda ai social network, ma devi necessariamente integrarli anche con altre attività, sia online che offline, per ottenere risultati.

 

4. Il tuo sito web fa pena

Mettiamo il caso tu stia facendo un lavoro splendido sui social, addirittura intercettando potenziali clienti… dove li mandi se vogliono sapere di più sulla tua azienda? Se vogliono comprare ciò che vendi?Se vogliono prenotare nella tua struttura?

Al tuo sito web.

Già, peccato che , se il tuo sito web non è aggiornato, è poco attrattivo o peggio inusabile, se entro pochi click l’utente non riesce a trovare ciò che cerca, tutto il tuo lavoro sui social non sarà servito a un bel niente.

I social sono canali che devono necessariamente portare in qualche “luogo”: è il tuo sito web.

Prima di investire tempo e denaro nel social media marketing, chiediti se il tuo sito è pronto ad accogliere chi è interessato a ciò che vendi o fai!

Il rischio è quello di scendere in piazza per presentare la tua attività e, trovate persone che la vogliono conoscere, farle entrare in un rudere che cade a pezzi…credi sarebbero disposte a comprare qualsiasi cosa da te?

 

Si parla tanto, tantissimo di quanto significhino i social media per le aziende e del tipo di risultati che possono portare;

la mia personale verità è che non c’è nessuna verità in merito, ma solo casi specifici di aziende che sono riuscite a raggiungere gli obbiettivi preposti (e differenti per ognuna) e di altre che, dopo investimenti di tempo e denaro, hanno deciso che non ne valeva la pena.

L’altra mia personalissima verità è anche che tu, azienda, non puoi permetterti di non essere in una piazza dove migliaia o milioni di tuoi clienti o potenziali tali si incontrano ogni giorno e, se decidi di esserci, fallo al meglio che ti è possibile.

Viceversa sarà tutto inutile, o peggio, altamente rischioso.

 

 

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
Share:

Tu cosa ne pensi?

Commenti

Veronica GentiliSocial & aziende: quando i social media sono inutili?

Related Posts