I passi per diventare (un buon) Social Media Manager [AGGIORNATO]

buon-social-media-manager

Non passa mese che non mi arrivi un’email del tipo “Quale libro/corso/percorso mi consigli per diventare Social Media Manager?”.

Bella domanda.

Figura sempre più richiesta il Social Media Manager pare sia chi si occupa di gestire gli account social dei brand (tristemente rispondente per alcuni a quella figura mitologica che “gestisce le pagine Facebook”), ma in realtà richiede molte più competenze di quanto si creda, in alcuni casi ancor più specialistiche;

gestire e moderare la community (Social Media Management), analizzare le performance e le conversazioni che si sviluppano intorno al brand (Social Media Analysis/ Brand Reputation Monitoring), progettare, creare e ottimizzare le campagne a pagamento (Social Media Advertising), progettare piani editoriali coerenti e business-oriented (Social Media Content Curation) e così via, in una più ampia micro-specializzazione che nei grandi team digital è sempre più richiesta.

Tante competenze e micro-aree di lavoro, per comodità riassunte nella mirabolante figura del Social Media Manager.

Ora, prima di dare consigli su come diventare un buon professionista in questo ambito, chiariamo cosa è il Social Media Marketing, come spiego nel mio ultimo libro Professione Social Media Manager. Prendendo in prestito una parte di quella che Philip Kotler, padre della disciplina, ha dato al marketing, possiamo dire che:

il social media marketing è l’arte e la scienza di rendere i social media reali risorse di business in modo concreto e misurabile, fornendo contenuti rilevanti agli utenti

Il Social Media Manager SERIO insomma, lungi dall’essere quello che “pubblica cose sui social” è chi si occupa di rendere i social media reali risorse per i brand, in modo concreto.

E se vuoi distinguerti dalla massa di improvvisati lì fuori, devi munirti di 3 cose ben precise: passione, pazienza e tanta, tanta voglia di studiare.

Oltre a tanta voglia di portare risultati e non fermarti ai like e ai follower, naturalmente.

Tornando a noi, da dove partire per lavorare nel Social Media Marketing?

Qui ti delineo la strada da seguire secondo la mia esperienza.

1. Osserva, inizia a curiosare e a prendere confidenza con i ferri del mestiere

Apri una pagina Facebook, anche sulle tue ciabattine da casa o sul tuo gatto (meglio ancora se su un tuo interesse o hobby) e cerca di capire come funziona, quali sono gli strumenti che servono per gestirla, come si crea. Apriti un account Instagram, inizia a passarci più tempo, esplorando le varie aree, voci, ma soprattutto, le dinamiche. Cosa fa sì che un determinato post abbia tanto successo e un altro no? Cosa rende un profilo molto più interessante da seguire, mentre altri non se li fila nessuno? Esplora, prima di tutto come utente. Per ore, giorni, mesi. Se pensi sia una perdita di tempo, ti rassicuro subito:

Non puoi essere un buon SMM se prima non comprendi come utente le dinamiche dei social 

Ogni social media ha toni, modalità di utilizzo e linguaggi differenti l’uno dall’altro e se prima di tutto non impari a comprenderli e ad utilizzarli come utente sarà impossibile saperlo fare bene in quanto brand; prenditi il tempo di capire e prendere confidenza con i vari strumenti che i social offrono, dovrai avere la massima dimestichezza con i ferri del mestiere e perché accada ti serve tempo.

Ti annoia, ti stanca, non ti piace svernare in questi spazi? Beh, forse non è il mestiere adatto a te.

Si è mai sentito di una baby-sitter brava che odia i bambini? Ma soprattutto…tu lasceresti i tuoi figli ad una baby-sitter che odia i bambini?

Mi raccomando, inizia fin da subito a curare la tua identità digitale, a partire dal blog e dai tuoi account social (in particolare Facebook e LinkedIn); che tu voglia lavorare per un’agenzia, un brand o, meglio ancora, come freelance, 9 su 10 i tuoi datori di lavori spizzeranno i tuoi presidi online prima di chiamarti. E tu devi presentarti e raccontarti al meglio.

2. Leggi tanto e segui corsi di specializzazione

Quando ho iniziato io non c’erano molti corsi tra i quali scegliere e libri specialistici da studiare, quindi gran parte del lavoro l’ho fatto da sola e seguendo corsi online d’oltreoceano.

La buona notizia è che oggi ce ne sono tantissimi di corsi (anche a distanza) e di libri tra i quali scegliere, direi che ne nascono ogni giorno come funghi; la cattiva notizia è che, siccome c’è molta richiesta di corsi di questo tipo, li offre chiunque, anche una marea di agenzie e professionisti cialtroni. Come trovare il giusto corso da seguire?

Prima di scegliere esamina attentamente chi sono i docenti del corso, ma soprattutto quali sono le opinioni in Rete circa gli enti/agenzie che le offrono e di chi ha già seguito quel tipo di corso; una cosa è sicura, se ti promettono di farti diventare un professionista fatto e finito, un esperto in 8 ore, scappa a gambe levate.

Puoi scegliere di fare un lungo corso di specializzazione o master per darti una solida base o magari seguire più workshop e micro-corsi, ma ti consiglio caldamente di non “formarti tutto da solo”; seguire un corso ad hoc ti permetterà di evitare errori evitabili, di non reinventare la ruota e soprattutto di fare conoscenza con chi come te ha scelto questo percorso. E crescere con lui.

“No, ma online c’è già tutto, gratis”

Oh certo, online trovi tanto, tantissimo, forse mettendo insieme i pezzi che trovi a destra e a sinistra puoi creare un corso di Social Media Marketing avanzato della durata di anni.

Eppure non c’è cosa più stupida e miope che affidarsi alla sola formazione gratuita online; perché perdere ore, giorni, mesi e ricomporre un puzzle mastodontico con il rischio che comunque alla fine ti manchino dei pezzi, quando c’è già qualcuno che, ovviamente pagando, può risparmiarti tutta quella fatica e offrirti percorsi già delineati, ponderati e ben costruiti? 

Perché perdere ore e ore impazzendo nel cercare risposte online quando qualcuno può insegnarti il metodo per trovarle, il mindset giusto per risparmiare tempo e denaro in strumenti e ricerche assurde?

Insomma, ci siamo capiti.

Questo non significa che tu non debba beneficiare del mare di contenuti che trovi in Rete, anzi, ti sono di enorme supporto per aggiornarti e crescere, come vedremo.

 

3. Pratica e networking per una crescita continua

Ovviamente alla teoria andrà affiancata la pratica; inizia con seguire piccoli progetti, ma inizia il prima possibile, appena sei sicuro di non fare troppi danni, ecco. Devi lavorare sul campo per capire come funzionano le cose, oltre la teoria! 

Sbaglierai, su questo non ci sono dubbi, fa parte del percorso di crescita; l’importante è imparare dagli errori, non ripeterli, ma soprattutto, non promettere ai clienti qualcosa che non si è in grado di mantenere o un’esperienza che ancora non si ha; in questo senso gli stage ti permettono di imparare da chi ha più esperienza di te sul campo, ma occhio ovviamente a farti affiancare da chi veramente vuole insegnarti e non farti fare caffé e fotocopie da mattina a sera.

Ti consiglio tantissimo di iniziare a fare networking fin da subito, offline negli eventi di settore e online nei vari gruppi, basta cercare per trovarne tantissimi. Ti aiuterà non solo a restare aggiornato e a creare legami che ti saranno utili, ma anche a confrontarti con altri specialisti in caso di dubbi o domande.

Osserva, commenta, domanda, non c’è modo migliore di imparare.

4. La formazione continua è fondamentale

Ogni lavoro, anche il più statico, richiede una formazione e un aggiornamento continuo, ma nel Social Media Marketing alla continuità si aggiunge la velocità, quella di un mondo che cambia strumenti, paradigmi, ambienti ogni giorno. Se vuoi fare di questo ambito il tuo lavoro dovrai restare GIORNALMENTE (sì, non mensilmente o settimanalmente) aggiornato su tutte le novità ed i trend di settore.

Come? Procurati un buon news reader (io personalmente uso Feedly) in cui raccogliere tutte le fonti da seguire; ti consiglio di partire da quelle di matrice americana generalmente più aggiornate (ah, ho menzionato che saper leggere e comprendere l’Inglese è molto, molto importante per fare questo lavoro? A mio avviso essenziale), come Social Media Today, Social Media Examiner, Hubspot, Marketing Land, TechCrunch. Segui corsi di aggiornamento e i professionisti che ogni giorno condividono e commentano le novità, offrendoti anche punti di vista interessanti; personalmente ho creato un vero e proprio Club in cui ogni mese condivido con oltre 800 professionisti iscritti tutte le novità dell’ultimo periodo, strumenti e risorse unici per fare la differenza.

Ovviamente ci sono anche tantissimi blog e siti di settore molto interessanti da seguire, ma, siccome elencandoli di sicuro me ne dimenticherei qualcuno (facendo incazzare quel qualcuno), li lascio scoprire a te 🙂

Social media manager: più che una professione, un percorso

Non basterà una settimana né qualche mese per poterti dire preparato, ma servirà l’esperienza e le competenze assimilate nel tempo, come del resto accade per ogni lavoro; in questo specifico però è davvero necessario l’entusiasmo e l’interesse.

Da una parte per l’aggiornamento continuo che richiede che, alla lunga, se non supportato da un genuino interesse, diventa stremante, dall’altro perché, essendo una figura nuova e facilmente confusa con “il cugggino che sta tutto il giorno su Facebook” o “il giovane smanettone che ne sa di computer”, potresti far fatica a legittimare la tua professionalità (e quindi i soldi che ti fai pagare).

Non mollare e dimostrare con la preparazione e con i risultati quanto la tua figura sia importante per qualsiasi brand. Piccolo o grande.

4.43 avg. rating (89% score) - 7 votes
Share:

Tu cosa ne pensi?

Commenti

Veronica GentiliI passi per diventare (un buon) Social Media Manager [AGGIORNATO]