Web & PMI: i must per un sito aziendale di successo

Must sito web di successo

Dalle micro alle grandi imprese, il sito web iniziano ad averlo un po’ tutti.

Tra chi decide di avvalersi di piattaforme che permettono di crearsi una presenza in Rete senza competenze di informatica & web marketing specifiche (vi prego non lo fate, vengono fuori i mostri), a chi commissiona il sito a professionisti, sono sempre di più le attività commerciali e non che decidono di essere presenti.

In questo mare magnum di aziende che sgomitano per attirare visitatori e convertirli in clienti, sono davvero poche quelle che ci riescono attraverso un sito web gradevole, usabile e, soprattutto, attrattivo.

Già, ma quali caratteristiche deve avere un sito web per dirsi “funzionante e funzionale”?

Ti elenco in 7 punti quelli che, secondo me, sono gli aspetti fondamentali da tener presenti per creare un sito web di successo (o che, quantomeno, sia efficace ed attrattivo, qualunque siano i tuoi obbiettivi).

 

1. “Non c’è vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare”:  progettazione, studio e solo dopo creazione

Un errore che spesso viene fatto è quello di crearsi una presenza in Rete senza aver ben studiato cosa, a chi e come si vuole comunicare.

Ti sei chiesto quali fossero i tuoi target prima di progettare il tuo sito web?

Cosa caratterizza la tua attività, qual è la mission, quali valori  trasmettere?

Hai stabilito quali fossero i tuoi obbiettivi a breve e lungo termine, quali parametri seguire per valutarne il raggiungimento?

Senza una progettazione scrupolosa e ponderata  il tuo sito web può rivelarsi un fallimento o, al massimo, un semplice biglietto da visita preso e messo lì.

 

 

2. “Rendimi facile la vita, grazie”: Usabilità, coerenza, semplicità di fruizione

Uno degli aspetti principali da tener presente in Rete è il concetto di usability (usabilità), ovvero  “la capacità di un sistema di essere compreso, appreso, utilizzato e attraente per gli utenti quando usato sotto condizioni specificate” .

Gli utenti che navigano nel tuo sito riescono a trovare in un paio di click le informazioni che cercano?

Il sito web presenta la tua azienda in modo chiaro, immediatamente comprensibile?

A livello grafico è piacevole, coordinato in colori e font, rende semplice ed intuitiva la navigazione?

Tieni presente che l’essere umano, per sua natura, è portato al risparmio di energie cognitive, ovvero cerca di raggiungere il massimo risultato con il minimo sforzo.

Ciò è ancora più vero in Rete dove le risorse da cui attingere sono talmente tante che se tu non riesci a darmi quello che cerco in pochi click, andrò altrove, magari nel sito del tuo competitor che “non è bravo quanto te” ma sa presentarsi meglio e offrirmi le informazioni che cerco in minor tempo e con minor sforzo.

 

3. “Perchè dovrei scegliere te?”: parlare alla testa, alla pancia e al cuore

Noi umani siamo esseri estremamente complessi, ma io credo fermamente nel fatto che la maggior parte delle nostre scelte vengano fatte sulla base di sensazioni ed emozioni (ti consiglio a tal proposito il libro “Marketing emozionale e Neuroscienze” per farti un’idea).

Ecco perché il tuo sito web, che non è altro che la tua azienda traslata nel digitale, deve parlare alla testa, alla pancia al cuore.

Alla testa perché deve fornire informazioni precise, dettagliate e soddisfacenti rispetto ai servizi/prodotti che offri, in modo da fornire le risposte a tutte le domande che un tuo potenziale cliente si potrebbe fare.

Alla pancia e al cuore perché deve far leva sulle emozioni di chi legge e suscitare il desiderio di avere ciò che proponi, attraverso una comunicazione efficace e persuasiva e attraverso richiami a bisogni latenti o manifesti dei tuoi target.

Fornisci occasioni di realizzazione personale, di soddisfazione e soluzioni efficaci, cerca di stabilire un legame tra vuole saperne di più e la tua attività;

parla alla testa, alla pancia e al cuore.

 

4.”Dal vivo è tutta un’altra cosa!”: coerenza tra online e offline

Uno dei problemi più grandi che rilevo nelle aziende con cui mi confronto ogni giorno è il fatto che la propria presenza on-line stenti a rispecchiare quella che è la vera identità della struttura stessa.

Ti  è mai capitato che un cliente ti dicesse “guardando il sito web non avrei mai detto che la tua azienda fosse così?”

Ricordati che ciò che rappresenti online non è un semplice biglietto da visita, è molto di più;

tantissime persone oggi conoscono, scelgono e comprano navigando su Internet, decidono dove recarsi per le vacanze, quale macchina acquistare, ecco perché è fondamentale esserci e presentarsi per ciò che siamo.

Sapersi raccontare in modo coerente significa raccontare la verità e non superare le aspettative dell’utente:

è una strategia che non paga, né nel breve né nel lungo termine.

Puoi avere l’hotel più bello della zona, i prezzi più competitivi, i macchinari migliori sul mercato, ma se non riesci a trasmettere la tua vera identità ai clienti potenziali, probabilmente ci sarà un concorrente che offre prodotti e servizi di qualità minore, ma più bravo a raccontarsi online….e il cliente sarà suo.

 

5. “Se lo guardo dal cellulare è uno schifo”: responsiveness

Hai idea di quante persone navighino e, soprattutto, scelgano attraverso i dispositivi mobili?

18 Milioni di Italiani rilevati da Audiweb nel Marzo 2013 e nel mondo beh…guarda The Zero Moment of Truth Marketing :: Mobile Marketing per farti un’idea.

L’idea precisa di quante persone ti abbiano cercato tramite mobile device te la possono dare solo i tuoi Analytics, ma sono certa rimarrai stupito nel capire, analizzandoli, quanto è importante che il tuo sito si adatti perfettamente a qualunque dispositivo cerchi di visualizzarlo.

E’ molto importante che sia “responsive”, ovvero che si possa visualizzare e fruire con semplicità anche da mobile .

The world goes mobile e nessuno può più permettersi di avere un sito non ottimizzato per Iphone, Ipad e compagnia.

 

6. “L’ultima new risale al 2010…andiamo bene!”: costantemente aggiornato

Non ci possiamo permettere di mantenere un sito web che riporta l’ultima offerta targata 2011.

Non solo dà l’idea di sciatto e poco curato, ma ci fa perdere potenziali clienti che sono interessati a ciò che abbiamo da offrire, ai nostri sconti e pacchetti…e non li trovano.

Come detto sopra, la nostra presenza digitale deve rispecchiare fedelmente quella offline:

hai rinnovato le camere del tuo hotel? Dillo!

hai altri servizi da proporre? Dillo!

E’ cambiato qualcosa, orari, tariffe, offerte specifiche? Lo devi far sapere.

Non in tempo reale, ma quasi 🙂

 

7. Croce & delizia dei social network: far sapere che ci sei (o non ci sei)

Spesso capito in siti web forniti di tante belle iconcine sociali (Facebook, Twitter & co), ci clicco sopra e… niente.

Sono lì di default, in realtà l’azienda non ha nessun presidio nei social network o, peggio, lo ha ma non viene segnalato correttamente.

Un paio di consigli:

se stai curando la tua strategia digitale anche nei social network, fallo sapere a chi visita il tuo sito.

Inserisci rimandi ai tuoi profili sociali in modo che le persone interessate possano rimanere in contatto con te, saperne di più, seguirti negli ambienti che vivono.

Viceversa, se hai aperto una Pagina Facebook “tanto per” e l’hai lasciata a se stessa per mesi non la menzionare proprio.

I social network possono essere una risorsa importante per la tua azienda se e solo se seguiti e aggiornati in modo continuo, regolare e professionale.

E ora dimmi, ti sono stati utili questi consigli? 🙂

 

 

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
Share:

Tu cosa ne pensi?

Commenti

Veronica GentiliWeb & PMI: i must per un sito aziendale di successo