Facebook Ads per negozi: 5 consigli pratici per acquisire clienti

facebook ads negozi
Nonostante i social network, in particolar modo Facebook e Instagram, siano diventati fondamentali per conoscere, seguire e scegliere attività locali, in tantissimi ancora non hanno idea dell’importanza che rivestono.
A dirlo sono i numeri: a oggi abbiamo oltre 35 milioni di utenti attivi su Facebook e, sempre parlando di utenti, una persona su tre visita settimanalmente le pagine di attività locali nel social network blu e sempre una su tre usa la piattaforma per trovare vedere raccomandazioni e recensioni (fonte: Facebook Blueprint).
Le attività commerciali, specialmente piccole, possono trovare nei social media delle risorse straordinarie, non solo per aumentare la propria notorietà, ma anche per acquisire contatti e clienti in modo costante…se imparano a usarli nel modo giusto.
In questo post trovi 5 consigli pratici, sostenibili e da applicare subito per acquisire clienti con Facebook.

1. Fai Facebook Ads “local”: intorno al tuo negozio

Purtroppo moltissimi negozi si limitano a “mettere in evidenza” ogni tanto qualche post nella speranza di acquisire un po’ di visibilità in più e, magari, qualche cliente; se di per sé lo strumento non è sbagliato, è un grande errore fermarsi a questo utilizzo basilare della piattaforma, che rischia di portare ben pochi risultati.

Una tipologia di campagna sulla quale consiglio di investire e che permette con budget davvero ridotti di raggiungere le persone in modo ultra-preciso (possiamo partire anche con 3 euro al giorno!), è quella su base locale; in particolare, usando l’obiettivo Copertura si possono ottimizzare le campagne per raggiungere più persone possibili nell’area intorno al nostro negozio:

 

facebook ads local

Non solo, è anche possibile raggiungere gli abitanti di una certa zona o, ad esempio, i viaggiatori, funzionalità particolarmente utile per chi vuole diversificare le proprie campagne tra turisti e residenti, come approfondiremo nel corso.

Le possibilità qui sono tantissime e tutte da testare, ad esempio un ristorante potrebbe pensare di attivare delle campagne con un coupon da scaricare per un dolce omaggio nei giorni della settimana più vuoti,  un parrucchiere potrebbe lanciare una promo a tempo su taglio+piega da prenotare via WhatsApp, una palestra potrebbe lanciare una sequenza di post sponsorizzati sulla zona per invitare gli abitanti a iscriversi al prossimo open day e così via.

2. Usa i Pubblici Personalizzati e trasforma gli utenti…in clienti

I Pubblici Personalizzati sono il vero asso di tutti i negozi che lavorano bene con la pagina Facebook e le Facebook Ads, proprio perché permettono di convertire in cliente chi ha visitato la pagina, ha interagito con i post o visualizzato i video che abbiamo pubblicato…se li usiamo come si deve.

Ecco che, anziché concentrarsi solo sul farci conoscere da nuove persone, grazie ai Pubblici Personalizzati possiamo arrivare a chi ha mostrato interesse nei confronti della nostra attività locale e dargli un motivo in più per approfondire e venirci a trovare.

Come usarli in pratica?

Ad esempio, possiamo periodicamente raggiungere chi ha interagito con la pagina con offerte speciali, coupon e sconti a tempo (è il modo migliore per determinare il ritorno sull’investimento delle nostre campagne), oppure arrivare a chi ha visualizzato almeno il 25% del nostro ultimo video sui nuovi arrivi con una Facebook Ads che invita a venirli a vedere di persona in negozio.

3. Usa le Lead Ads…con Messenger!

La messaggistica è uno dei canali che vedrà il più grande sviluppo in futuro, specialmente riguardo al Servizio Clienti e ogni negozio dovrebbe assolutamente iniziare a implementare Messenger (risposte automatiche, salvate, bot, etc) come si deve. In particolare, una novità introdotta negli ultimi tempi da Facebook sta nel poter acquisire i contatti degli utenti e profilarli (ad esempio per un appuntamento) direttamente tramite Messenger.

In pratica, puoi lanciare una Facebook Ads in cui proponi qualcosa (un open day, un check up gratuito, un evento di presentazione, per facilitare il contatto) e qualificare l’utente attraverso una serie di domande alle quali risponderà via Messenger, per poi continuare la conversazione con te, se qualificato.

Non preoccuparti se ancora non vedi questo formato attivo, è in roll out, ma sono certa che, se ben utilizzato, può rappresentare un’ottima opportunità per acquisire contatti da trasformare.

4. Mostra cosa ti rende diverso dagli altri…con un video

Offriamo tutti prodotti di alta qualità dall’ottimo rapporto qualità/prezzo, mettiamo al centro il cliente e coniughiamo professionalità e innovazione dal millenovecent*… insomma, se continuiamo a proporre i nostri servizi e prodotti con le stesse, identiche promesse che usano altri milioni di aziende (inclusi i nostri concorrenti) sarà davvero difficile farci notare e portare il cliente a casa. Ecco perché ti consiglio di iniziare a mostrare, magari con un video che è un formato generalmente molto più apprezzato delle immagini statiche, cosa fai e cosa ti rende unico.

Sei un pasticcere? Testa nelle tue campagne pubblicitarie video in cui lavori, crei le tue golose opere, fai vedere quanta passione e attenzione per le materie prime c’è dietro a ciò che offri.

Sei un avvocato? Un dentista? Un consulente? Usa i video per informare i tuoi potenziali clienti, vincere i loro dubbi più diffusi e mostrare la tua professionalità, aggiornamento e competenza, anziché limitarti a decantarla.

Lavori per un ristorante? Mostra il menu, i piatti, l’atmosfera che si respira nel locale, perché le persone lo dovrebbero scegliere e,  soprattutto, quale tipologia di persona dovrebbe farlo.

5. Hai un sito web? Raggiungi chi lo ha visitato con campagne mirate!

In molti credono che quando si parla di una piccola attività locale il sito web non sia assolutamente necessario; a mio avviso non è affatto così perché anche un semplice sito (one page, per capirci) rappresenta uno spazio proprietario nel web (eh sì, le pagine Facebook e quelle Google My Business non sono nostri, mai dei legittimi proprietari che danno loro il nome) in cui possiamo raccontarci in modo più specifico e diffuso, ma soprattutto, farci trovare da chi cerca ciò che offriamo (lo dicono i dati).

Se hai un sito web una delle principali attività che consiglio a chi ha un’attività locale è la creazione di una o più campagne di Retargeting, in modo da trasformare i visitatori (dei quali più del 90% viceversa si perderebbe per strada) in contatti e clienti, magari con campagne che ne intercettano l’interesse e li avvicinano con la possibilità di richiedere più info, scaricare un risorsa gratuita, fissare un appuntamento.

Insomma, potenziamo le risorse che abbiamo investito nella creazione del sito e nella ricerca di traffico qualificato con un’attività complementare che mira alla conversione, online e/o offline.

Come vedi, le attività locali hanno in Facebook – e in Instagram – un concreto e potente alleato di business, se utilizzato con costanza, competenza e professionalità.

 

 

5.00 avg. rating (98% score) - 5 votes
Share:

Tu cosa ne pensi?

Commenti

Veronica GentiliFacebook Ads per negozi: 5 consigli pratici per acquisire clienti